“Max e l’arte dell’attacco arrangiato”, scrive oggi Tuttosport sulla Juventus e i suoi attaccanti. Massimiliano Allegri ama giocare con l’etichetta di allenatore che “non dà gioco” o “identità” che i suoi detrattori gli appiccicano e per la quale lo attaccano, ma in realtà le sue squadre in campo sanno bene cosa fare. Anche se è un sapere frutto della capacità di leggere le situazioni (che è quella che Allegri allena) e non di un copione mandato a memoria. “Giochiamo 4-3 e poi vediamo là davanti che casino facciamo”, aveva detto alla vigilia della sfida al Valencia nel 2018. C’erano Dybala, Mandzukic e Ronaldo. Una libertà di movimento ancor più funzionale, quasi indispensabile, per il reparto offensivo della Juventus di oggi: dove oltre a non esserci più il miglior finalizzatore al mondo non c’è neppure un centravanti capace di fare da punto di riferimento spalle alla porta come era Mandzukic. E allora anche adesso che gli attaccanti della Juventus “si arrangino”. Come con la Fiorentina, senza ruoli e senza punti di riferimento.

Leggi l'articolo originale

About Author

Pro News

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai più di 18 anni?

In questo sito web sono presenti contenuti dedicati ai soli maggiorenni.

Se ha meno di 18 anni non puoi accedere ai contenuti del sito