La notizia circolata oggi ha dell’incredibile: Massimo Ferrero, ex presidente della Sampdoria attualmente ai domiciliari, avrebbe fatto pervenire un paio di settimane fa attraverso un suo legale una Pec (posta elettronica certificata) all’attuale numero uno di Corte Lambruschini, Marco Lanna, per ‘esprimere riserve sull’operato dell’intero consiglio di amministrazione e dell’area tecnica, anche riguardo alla strategia e alle operazioni condotte nel mercato di gennaio’. A scriverlo è Il Secolo XIX di oggi.

Secondo il quotidiano, la finalità della lettera sarebbe quella di volersi ‘ripulire’ dall’eventuale esito della stagione sportiva e da qualunque tipo di conseguenza. Notizia abbastanza curiosa, considerando che la campagna acquisti estiva, la costruzione della rosa, la prima scelta del tecnico D’Aversa e la difficile situazione economica blucerchiate sono interamente imputabili al Viperetta, e di certo non al neopresidente, in carica soltanto da dicembre per traghettare il Doria attraverso una situazione drammatica.

La mail certificata è arrivata il giorno precedente alla trasferta di Verona, a seguito di uno dei momenti più negativi del campionato doriano, seguente al filotto delle tre sconfitte consecutive contro Roma, Bologna e Salernitana. E’ anche curioso che Ferrero abbia fatto scrivere dal legale, dal momento che non risulta possedere nessuna quota né di SportSpettacolo, in mano al trustee Vidal, né Holding Max, la società che sta al vertice della piramide di tutte le aziende famigliari, legate al cinema, all’immobiliare o alla parte sportiva. Pare che al momento Lanna e il Consiglio di amministrazione non abbiano dato alcuna risposta a Ferrero, e siano intenzionati ad ignorare la Pec.
 



Leggi l’articolo originale

About Author

Pro News

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai più di 18 anni?

In questo sito web sono presenti contenuti dedicati ai soli maggiorenni.

Se ha meno di 18 anni non puoi accedere ai contenuti del sito