Arechi da brividi per scrivere la storia. La Salernitana, pur con qualche importante defezione nell’undici titolare, potrà contare su una tifoseria in versione dodicesimo uomo per la partita più importante dell’anno. Non c’è alternativa: i granata devono vincere e non fare calcoli di nessun genere. E così mister Nicola e la società hanno chiamato a raccolta il pubblico con la consapevolezza che il fattore tifo, a Salerno, è davvero una componente determinante. Oltre 30mila spettatori e una coreografia da brividi in curva Sud accoglieranno le squadre in campo alle ore 21, stamattina il Questore e l’amministrazione comunale daranno l’ok per la vendita di un altro migliaio di tagliandi per la curva Nord che, in teoria, potrebbe ospitare 8000 persone. Il Comune, però, non ha effettuato i lavori necessari e la capienza è notevolmente ridotta anche per motivi di ordine pubblico. Sarà migliorato il piano traffico, con annesso potenziamento delle corse della metropolitana, mentre si sta discutendo della possibilità di allestire un maxi schermo nelle zone strategiche della città per accontentare le migliaia e migliaia di persone che sono rimaste sprovviste di tagliando. “Avremmo riempito lo stadio anche con una capienza di 50mila spettatori” fanno sapere le autorità competenti, a testimonianza del fatto che l’entusiasmo in città è crescente e che la Salernitana targata Iervolino ha fatto breccia nel cuore di tutti.

La scaramanzia regna sovrana e nessuno vuol sentire parlare di festa. Anzi, c’è la consapevolezza – e la preoccupazione – che l’Udinese verrà a Salerno per giocare una grande partita senza regalare nulla, proprio come ha fatto l’Empoli sabato scorso. Tanto per rendere l’idea, la società aveva deciso di produrre una maglietta celebrativa da vendere prima della gara, ma l’iniziativa è stata immediatamente stoppata dal pubblico. E poi ci sono le polemiche legate alla sfida tra Venezia e Cagliari, con alcuni siti sardi che avevano parlato di minacce ai calciatori dell’Udinese per poi ritrattare e ammettere la gaffe. Anzi, i cento tifosi attesi da Udine saranno accolti nel migliore dei modi ed accompagnati a visitare le bellezze della città nelle ore precedenti. “Lo sponsor del Venezia è un’azienda che fa capo al presidente del Cagliari” scrivono in tanti sui social sollecitando l’attenzione della proprietà granata, altri invece si soffermano sulla scelta del club veneto di non convocare giocatori di livello (vedi Henry, Nsame o Aramu). Ma sono discorsi davvero sterili: la professionalità delle due società è fuori discussione e in campo si giocherà ad armi pari senza risparmiare una sola goccia di sudore. C’è poi chi ritorna sulla consueta polemica arbitrale, ricordando il precedente tra il Cagliari e Mazzoleni e le parole al veleno del presidente del Benevento Oreste Vigorito. Prima di una partita determinante ci sta che ognuno giochi le proprie carte, ci mancherebbe. Accade così da quando esiste il calcio. Ma la Salernitana non ha alibi: è artefice del proprio destino, affronta un’ottima squadra che però ha stimoli diversi e una clamorosa mancata vittoria non avrebbe altre responsabilità se non le proprie.

Leggi l'articolo originale

About Author

Pro News

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai più di 18 anni?

In questo sito web sono presenti contenuti dedicati ai soli maggiorenni.

Se ha meno di 18 anni non puoi accedere ai contenuti del sito