La Gazzetta dello Sport nell’edizione odierna propone la moviola di Milan-Juventus. Questo ciò che scrive il quotidiano sulla direzione di Marco Di Bello: “L’arbitro […] è parso più sicuro di sé negli episodi accaduti dentro l’area che in quelli avvenuti fuori. Al 3’ Calabria si infila proprio nell’area juventina tallonato da Alex Sandro: il contatto esiste, ma non travolgente, poi il piede destro dello juventino impatta sulla gamba sinistra del milanista che però è già in caduta. Di Bello valuta l’intensità, il VAR non interviene, niente rigore e […] a Calabria viene fischiato fallo contro per aver preso il pallone con la mano. L’altro episodio avviene nella stessa area, ma nel secondo tempo e quindi con la Juventus in attacco: Messias rischia molto, cerca di contendere il pallone a Morata, ma impatta solo il polpaccio destro dello juventino. Apparentemente troppo poco per Di Bello per assegnare un calcio di rigore […]. Di Bello […] meno coerente fuori dalle aree: all’11’ sanziona giustamente con il giallo Leao che trattiene Cuadrado durante la ripartenza di un’azione promettente; non fa la stessa cosa, però, quando la medesima situazione la creano McKennie, Bentancur, Diaz e Cuadrado su Tonali. Corretti i gialli a Locatelli, Messias. Cuadrado (che alla fine non verrà ammonito) ha rischiato anche per una gamba alta su Theo in cui Di Bello ha dato vantaggio”.

In generale il giudizio che viene dato a Di Bello dal quotidiano è positivo con il voto di 6: due situazioni d’area che possono lasciare dubbi, ma sulle quali lui non ne ha anche per le direttive della Can contro i “rigorini”.

Leggi l'articolo originale

About Author

Pro News

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai più di 18 anni?

In questo sito web sono presenti contenuti dedicati ai soli maggiorenni.

Se ha meno di 18 anni non puoi accedere ai contenuti del sito