La finale di Champions League africana diventa un vero e proprio caso diplomatico fra Marocco ed Egitto. A contendersi il trofeo saranno l’Al Ahly, formazione del Cairo che ha vinto dieci volte la competizione, e il Wydad, squadra di Casablanca due volte campione d’Africa. A far discutere è la sede della finale, in programma il 30 maggio.

Si gioca in Marocco. E la decisione è arrivata molto tardi. Il 9 maggio, a cavallo tra le gare di andata e ritorno delle semifinali, la CAF – equivalente africano della UEFA – ha infatti reso noto che, a seguito del ritiro della proposta formulata dalla federcalcio senegalese, la partita si sarebbe giocata per il secondo anno consecutivo proprio a Casablanca, al Mohammed V, impianto di casa del Wydad. Tempistica e decisione hanno fatto subito scattare la protesta dell’Al Ahly, che ha annunciato di essersi appellato al TAS di Losanna, rendendo comunque noto che avrebbe giocato la finale a prescindere dall’esito del ricorso.

La CAF sposta la sede a Rabat, ma basterà? A seguito delle polemiche, la confederazione africana – proprio oggi – ha spostato la sede, da Casablanca allo stadio Prince Moulay-Abdellah di Rabat. Sempre in Marocco, appunto: proprio per questo, la decisione non è stata sufficiente a spegnere le polemiche dei tifosi egiziani. Molti dei quali, nonostante i rapporti storicamente buoni tra i due Paesi, si chiedono perché, non essendo stata decisa all’inizio della competizione, la finale non venga assegnata a una nazione terza, come per esempio Sud Africa o Nigeria. E l’hashtag #StopCafCorruption, attraverso il quale si arriva a ipotizzare addirittura un ruolo della FIFA nella vicenda, ha iniziato a spopolare sui social network egiziani.

Leggi l'articolo originale

About Author

Pro News

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai più di 18 anni?

In questo sito web sono presenti contenuti dedicati ai soli maggiorenni.

Se ha meno di 18 anni non puoi accedere ai contenuti del sito