Il triangolo del momento è uno e uno soltanto: Juve-Vlahovic-Fiorentina. Perché la trattativa procede senza sosta, sul doppio fronte: quello tra i club, quello tra la dirigenza bianconera e l’entourage del giocatore. La trattativa procede anche se l’accordo c’è, totale o quasi, ormai si è andati troppo oltre e troppo in fretta per pensare di poter tornare indietro. È quindi solo questione di tempo prima di vedere Vlahovic diventare un giocatore della Juve, al termine di una delle operazioni più clamorose della storia del calciomercato italiano e non solo di quello invernale. Qualcosa manca dunque, nello specifico tre cose. La prima è un tampone negativo, quello che attende proprio Vlahovic per interrompere l’isolamento domicilare a cui è sottoposto ormai da sabato, giorni in cui la Fiorentina ha comunicato due positività nel gruppo squadra pur senza rivelarne l’identità: uno dei giocatori coinvolti dovrebbe proprio essere Dusan, che attende di negativizzarsi per poi procedere verso Torino, effettuare le visite mediche e tutti i rituali del caso. Il “giorno x” in casa Juve sperano possa arrivare entro sabato, ma programmare non si può particolarmente, si deve semmai aspettare: se il tampone negativo non arrivasse entro il 31, il trasferimento in ogni caso non salterà.

JUVE-FIORENTINA – Poi mancano gli ultimi dettagli sull’asse Juve-Fiorentina. La trattativa tra Joe Barone e Maurizio Arrivabene è arrivata alle ultime curve, ma dopo gli scatti degli scorsi giorni ora si procede un centimetro alla volta. L’operazione complessiva è di 75 milioni tra parte fissa e bonus, da ambienti fiorentini si sussurra che possano anche arrivare fino a 80. Si lavora ancora sulla definizione dei bonus stessi, soprattutto sulla modalità di pagamento: i viola vogliono tutto subito o quasi, la Juve lavora per ottenere una rateizzazione il più ampia possibile, trovarsi a metà strada tra due e quattro anni di dilazione non è semplice come sembra.

JUVE-RISTIC – C’è poi il fattore Darko Ristic che continua a essere particolarmente decisivo, anche delicato. L’agente serbo si trovava ancora oggi bloccato a Belgrado, non un problema perché i contatti sono continui anche a distanza e rafforzati dai suoi collaboratori di base in Italia. Però nelle scorse ore non sono mancati attimi di tensione, si lavora ancora per provare ad abbassare le pretese dell’entourage di Vlahovic per quel che riguarda le commissioni. Di 18 milioni la richiesta, avendo anticipato l’operazione e accettato in tutto o quasi le condizioni di Rocco Commisso, la Juve si aspetta di poter abbassare il più possibile questa quota: si tratta e magari si litiga ma la fumata bianca arriverà in ogni caso. Indietro, ormai, non si torna: Vlahovic sarà il nuovo centravanti della Juve. Anche se qualcosa manca ancora.



Leggi l’articolo originale

About Author

Pro News

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai più di 18 anni?

In questo sito web sono presenti contenuti dedicati ai soli maggiorenni.

Se ha meno di 18 anni non puoi accedere ai contenuti del sito