“Siete di Bari, siete italiani?”. Questa la la provocazione razzista rivolta a un cronista di Radio Selene che si trovava ieri allo stadio Rigamonti di Brescia per la telecronaca della partita di calcio Brescia-Bari, conclusasi con l’affermazione dei Galletti per 2-0. Luca Guerra, questo il nome del giornalista, era in diretta prima della partita quando ha udito questa frase urlatagli da un tifoso bresciano. Guerra non ha esitato a rispondere: “Sì, sono italiano, deficiente”. Il giornalista ha per un attimo interrotto la propria diretta per commentare a caldo l’accaduto: “Il razzismo territorriale fa parte ancora della testa di qualcuno nel 2023, verrebbe voglia di tornare a casa se qualche deficiente ci chiede, ‘siete di bari siete italiani?’ – ha detto -. Ma andiamo oltre questi deficienti, che non vi abbiamo mostrato altrimenti sarebbe stato un momento di gloria immeritato per loro”.

L’episodio è stato poi successivamente denunciato dalla pagina Facebook di Radio Selene: “Siete di Bari, siete italiani? È il vergognoso insulto di razzismo territoriale del quale è stato vittima il nostro Luca Guerra – si legge nel post -, corrispondente allo stadio Rigamonti, prima della partita tra Brescia e Bari, mentre era in diretta a pochi minuti dal fischio d’inizio del match. A lanciare la stupida e deprecabile provocazione un tifoso bresciano”.

Sono “50 secondi per capire che c’è qualcuno che ancora è indietro con il cervello di 50 anni. Mi scuso se ho detto tre parolacce in onda, non è nel mio stile. Ma di fronte a delle provocazioni così spicciole si viene colpiti nell’orgoglio – ha poi commentato il cronista sulle sue pagine social -. La persona inutile dall’altra parte aveva più o meno la mia età e ridacchiava, spalleggiato da altri quattro amichetti. Tutti tifosi del Brescia. Ha perso sul campo ma aveva già perso la sua partita con la civiltà. Buona serata e a mai più”.

Leggi l'articolo originale

About Author

Pro News

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai più di 18 anni?

In questo sito web sono presenti contenuti dedicati ai soli maggiorenni.

Se ha meno di 18 anni non puoi accedere ai contenuti del sito