L’arrivo in panchina di Antonio Conte è sinonimo di ambizioni rinnovate e si è subito tradotto con l’accostamento di tanti nomi al Tottenham. Fabio Paratici è al lavoro per rendere la rosa competitiva e permettere al tecnico salentino di centrare la quarta posizione che vorrebbe dire qualificazione alla prossima Champions League. A gennaio, però, è sconsigliabile effettuare una rivoluzione, tanto più perché l’ex allenatore di Juventus e Inter ha già dimostrato di poter tirare fuori il meglio dagli elementi che ha disposizione. Così, è verosimile che ci sia solo qualche innesto di sostanza, che bilanci l’uscita di qualche esubero: in partenza ci sono Dele Alli, Tanganga, Tanguy Ndombele e Steven Bergwijn, mentre è da definire la situazione contrattuale di Hugo Lloris, che a giugno potrebbe liberarsi a zero. Jordan Pickford è il nome più ricorrente per la sua sostituzione, mentre Jesse Lingard potrebbe essere un rinforzo utile nel mercato invernale. Poi gli Spurs penseranno a progettare il futuro: Franck Kessié, Mattias Svanberg, Weston McKennie e Adama Traoré sono i grandi obiettivi, con quest’ultimo in cima.

Acquisti: /

Cessioni: /

Leggi l'articolo originale

About Author

Pro News

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai più di 18 anni?

In questo sito web sono presenti contenuti dedicati ai soli maggiorenni.

Se ha meno di 18 anni non puoi accedere ai contenuti del sito