focus

E’ andato in archivio il Primo turno di ritorno dei Playoff Nazionali di Serie C. Questi i risultati (in grassetto le squadre qualificate ai quarti di finale)
Cesena-Monopoli 0-3 (andata 2-1)
FeralpiSalò-Pescara 2-1 (andata 3-3)
Renate-Juventus U23 0-1 (andata 1-1)
Virtus Entella-Foggia 2-1 (andata 0-1)
Palermo-Triestina 1-1 (andata 2-1)

Di seguito la TOP 11 di TuttoMercatoWeb.com che opta per il 4-2-4:

Massolo (Palermo): eroe di giornata, senza se e senza ma. Il rigore parato a Procaccio è di vitale importanza, ma sono almeno quattro le parate determinanti con cui tiene a galla i rosanero visibilmente in difficoltà.
Mercadante (Monopoli): come se non bastasse la marcatura praticamente perfetta su Bortolussi, si toglie lo sfizio di segnare una doppietta. E’ vero che ha avuto a disposizione due rigori, ma segnarli sotto la curva del Cesena in uno spareggio che consente di sognare per davvero la B è indice di personalità.
Pellizzer (V. Entella): Ferrante-Curcio-Merola è tridente di alto spessore, arrivato in grande forma ai playoff grazie al lavoro di mister Zeman. Tenerli a bada non era semplice, ma ha messo in campo tutta la sua esperienza sfornando una prestazione quasi perfetta.
Marconi (Palermo): l’inizio di partita è difficoltoso, ma con grande esperienza e temperamento si riprende progressivamente e riesce a contenere le numerose sortite offensive degli avversari.
Leo (Juventus23): prende parte all’azione del gol inserendosi con i tempi giusti, conferma di essere un calciatore particolarmente in forma e di grande tenuta atletica. Un motorino sulla fascia, molto bravo a capire quando spingere e quando contenere per evitare problemi.
Carraro (FeralpiSalò): ottima prestazione per il centrocampista, autentico fulcro del gioco ed elemento imprescindibile nello scacchiere tattico di mister Vecchi. Illumina la scena con alcuni lanci a tagliare il campo decisamente di qualità.
Rada (V. Entella): tempo otto minuti e pareggia i conti con l’1-0 dell’andata indovinando la traiettoria perfetta con una conclusione da oltre 20 metri. Pallone all’incrocio dei pali e portiere battuto, un autentico capolavoro.
Luperini (Palermo): fa esplodere il Barbera e scaccia le streghe con un gol al 96′ che piega la resistenza di un’ottima Triestina. Diagonale perfetto, nulla da fare per il portiere.
Siligardi (FeralpiSalò): approfitta di un errore clamoroso della difesa del Pescara per battere l’incolpevole Iacobucci con una conclusione imparabile. La sua esperienza è tanta roba in queste partite da dentro o fuori.
Litteri (Triestina): sugli sviluppi di un calcio d’angolo è bravo a saltare più in alto di tutti e a segnare la rete della speranza in uno stadio notoriamente difficile.
Da Graca (Juventus23): il suo colpo di testa al minuto 28 indirizza la partita sui binari giusti, bravo a credere fino alla fine che un’azione rocambolesca avrebbe potuto portare alla rete del vantaggio. Al posto giusto al momento giusto.

Leggi l'articolo originale

About Author

Pro News

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai più di 18 anni?

In questo sito web sono presenti contenuti dedicati ai soli maggiorenni.

Se ha meno di 18 anni non puoi accedere ai contenuti del sito