“Maradona non si fermava, al massimo potevi sperare di contenerlo”. Intervistato da la Repubblica, edizione Napoli, Riccardo Ferri parla così del Pibe de Oro: “Sembrava avesse un drone sulla testa, lo avvertiva di chi era dietro a lui e di come sarebbe andata l’azione. Calcioni? Con Diego non esageravamo, c’era rispetto per lui, perché sapevamo di avere di fronte a noi un talento unico, da preservare”.

Leggi l'articolo originale

About Author

Pro News

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai più di 18 anni?

In questo sito web sono presenti contenuti dedicati ai soli maggiorenni.

Se ha meno di 18 anni non puoi accedere ai contenuti del sito