Ospite dei microfoni di SkySport Daniel Ciofani, attaccante e capitano della Cremonese, ha parlato del primato in Serie B del grigiorosso arrivata a quasi trent’anni dall’ultima volta: “Si sta bene in alto in classifica ma giocando ogni tre giorni c’è poco tempo per pensarci. Forse è anche meglio così, perché in questo modo sei costretto a pensare già all’impegno successivo. Ogni giornata propone impegni difficili. Senza soste. Io però preferisco giocare così spesso, perché l’adrenalina rimane sempre ad alti livelli”.

Esperienza e gioventù, il mix vincente.
“Gli esperti sono giovani dentro e questo ci avvicina molto alla nuova generazione. In questo modo riusciamo a veicolare la loro energia. Sono giovani ma soprattutto sono forti. Giocano perché se lo meritano e non perché ci sono le valorizzazioni eccetera. Siamo molto legati nonostante la differenza d’età. A noi esperti ci vedono come fratelli maggiori”.

Obiettivo doppia cifra sul fronte dei gol?
“In carriera ne ho fatti più di 200, ma l’anno in cui ho segnato di più ho poi perso i playoff. Per questo preferisco farne meno ma importanti. Poi chi segna di più è indifferente”.

Gondo e gli altri nuovi acquisti quanto sono stati importanti per questo exploit?
“La società ha messo a disposizione tutto quello che il mister aveva chiesto. Al di la di giocatori funzionali sono arrivate persone importanti, di spessore. Gondo sembra che giochi con noi da due anni. È arrivato e si messo a disposizione, con grande umiltà e poi ha portato tanta energia positiva, il sorriso. È felice sia che segni, che faccia assist o che lo facciano gli altri”.

Quale futuro per Daniel Ciofani?
“Spero di giocare ancora tanti anni. Ho il fuoco dentro e spero di andare avanti a lungo nonostante l’età”.

Leggi l'articolo originale

About Author

Pro News

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai più di 18 anni?

In questo sito web sono presenti contenuti dedicati ai soli maggiorenni.

Se ha meno di 18 anni non puoi accedere ai contenuti del sito